was successfully added to your cart.

Category Archives: Arredamento

cappa bora basic piano cottura

Come scegliere la cappa

By | Arredamento | No Comments

Ci siamo lasciati qualche settimana fa con le caratteristiche generali per la scelta di una cappa della cucina che permetta di ottenere un ottimale comfort abitativo e di non sprecare preziose risorse per il riscaldamento dell’ambiente in cui è inserita.

Vediamo ora nel dettaglio come dovrebbe essere la cappa giusta.

I vapori e gli odori dovrebbero essere aspirati dove si sviluppano, quindi sul piano cottura, direttamente da pentole e bistecchiere.

Tanto più i vapori di cottura si diffondono nell’aria, tanto più odori e grasso si depositano nell’ambiente circostante, particolarmente su mobili e stoffe con il risultato che, per giorni, odori di pesce, arrosto, brasato ce li portiamo addosso.

Con l’aspirazione dal piano, invece, i grassi prodotti durante la cottura vengo catturati nel filtro grassi in acciaio inossidabile. Mentre per gli odori al termine della cottura basta chiudere semplicemente il sistema di aspirazione e gli stessi resteranno imprigionati nel filtro.

Un parametro su tutti spiega bene la differenza rispetto alle cappe tradizionali: il “CLEANRATE”, cioè il sistema normativo di misurazione dell’efficienza delle cappe aspiranti secondo la norma internazionale DIN EN 61591.

La tecnologia di aspirazione direttamente dal piano cottura ottiene un Cleanrate del 100% rispetto a un massimo del 60% ottenuto dalle migliori cappe tradizionali.

 

Questi due video dimostrano, meglio di tante parole, la differenza tra i due sistemi di aspirazione.

Aspirazione con la cappa integrata nel piano cottura:

 

Aspirazione con una cappa tradizionale:

 

Ma i vantaggi non finiscono all’efficienza di aspirazione, perché possiamo sinteticamente anche elencare:

1) La silenziosità. Aspirando volumi molto inferiori di aria si riducono anche drasticamente i rumori prodotti dal motore di aspirazione

2) La libertà di progettazione.

Il piano cottura può essere posizionato davanti a una finestra, sotto soffitti inclinati, nelle cucine a isola senza avere più nulla sopra la testa o nelle cucine tradizionali, ricavando più spazio per i pensili

3) La sicurezza. Nessuno spigolo pericolo all’altezza della testa

4) L’ergonomia. Non è più necessario restare chinati mentre si cucina, non c’è più vapore fastidioso all’altezza degli occhi, nessun appannamento degli occhiali.

cappe bora piano induzione

Scegli la cappa giusta

By | Arredamento | No Comments

La cappa giusta per la tua casa

 

Quando stai scegliendo la tua nuova cucina quasi sicuramente ti verrà proposta la scelta della cappa aspirante.
E sicuramente un bravo venditore te ne proporrà una  molto performante, con un motore molto potente, secondo la regola che una cappa efficace ricambia l’aria della cucina 10 volte in un’ora.

 

 

Fin qui tutto perfetto: buon rapporto qualità/prezzo, bel design, ottima costruzione, notevole silenziosità, però …

 

Hai mai pensato allo spreco di energia necessaria a riscaldare tutta l’aria che la cappa espelle all’esterno?

 

Proviamo a pensare all’importanza che oggi, e giustamente, diamo all’isolamento termico della casa: cappotti di spessori elevati e serramenti con triplo vetro, classe energetica della casa “B” oppure addirittura “A”; tutto per ridurre al minimo la dispersione del calore prodotto dall’impianto di riscaldamento.

E poi accendiamo la cappa che ci espelle l’aria 10 (dieci) volte in un’ora sola, e questo almeno due volte al giorno per tutti,o quasi, i giorni dell’anno.
Aria che dobbiamo riscaldare nuovamente.

 

Come fare per evitare tutto questo?

 

La prima cosa è la scelta del piano cottura che deve essere tassativamente a induzione: con il principio dell’induzione non c’è combustione durante la cottura, pertanto possiamo chiudere i due fori nelle pareti (quello in basso per l’ingresso dell’aria nuova e quello il alto per l’espulsione dell’aria viziata con la cappa) necessari, per legge, per il funzionamento del piano cottura a gas.

 

Poi dobbiamo scegliere il tipo di cappa da usare perché in  una tradizionale vapori e odori vengono aspirati con difficoltà ed è necessario aspirare grandi volumi di aria per evitare che gli stessi si disperdano nell’ambiente.

 

Dobbiamo quindi utilizzare una cappa che renda possibile l’aspirazione del vapore proprio nel punto in cui si forma, senza dare possibilità di fuga, e senza aspirazione di grandi volumi d’aria che una volta aspirati anzichè essere espulsi verso l’esterno, verranno “puliti” da un sistema di ricircolo mediante una schiuma ai carboni attivi.

 

Il risultato che otterremo sarà una ambiente salubre e senza odori e nessuno spreco di energia per riscaldare aria che viene poi espulsa all’esterno.

 

cappa bora basic piano cottura

porta battente moon rimadesio

Le porte battenti per interni

By | Arredamento | No Comments

Le porte battenti per interni

da semplice utilizzo come divisorio per i vari ambienti della casa, sono oggi diventate parte integrante di un corretto progetto di design d’interni.

Tutti conosciamo le classiche porte con anta battente, realizzate nei più vari materiali e finiture.

Vediamo invece oggi, tra le più recenti innovazioni tecnologiche ed estetiche, le porte battenti a filo parete:

Le porte battenti filo parete

dette anche porte complanari, sono progettate per realizzare l’integrazione totale fra la porta e la parete, trasformandole in un’unica superficie.

Le porte complanari consentono la possibilità di apertura a spingere o a tirare, garantendo la massima libertà progettuale di collocazione in ogni ambiente.
Per farci un’idea pensiamo, per esempio, a un disimpegno della zona notte.

Con le porte battenti per l’accesso alle camere, ai bagni e all’eventuale ripostiglio abbiamo, in uno spazio ridotto, numerose aperture, a volte molto vicine le une alle altre.

Con le porte battenti  filo parete possiamo eliminare i classici coprifili che incorniciano la porta e, magari con un uso sapiente del colore, abbinare quello della porta a quello del muro, donando all’ambiente estetica ed eleganza senza togliere nulla alla praticità.

La scelta migliore per i materiali di questa tipologia di porte ricade sicuramente sull’alluminio e sul vetro.

 

porte battenti rimadesio zen

 

Con l’alluminio, che può essere realizzato in qualsiasi finitura colorata, si riducono sensibilmente gli spessori degli stipiti incassati a muro che, in questo modo, risultano praticamente invisibili.

Il vetro, invece, con la sua leggerezza, resistenza e versatilità permette di realizzare porte veramente belle, eleganti, resistenti e con finiture e colori praticamente illimitati.
E poi, per una porta esclusiva, una novità assoluta: alluminio lucido e cuoio

Per ultima, ma sicuramente non meno importante.

La maniglia

Per una porta battente con lo stipite a scomparsa diventa fondamentale che la maniglia sia integrata e magari con la stessa finitura in vetro del pannello e che la serratura o il nottolino risultino il meno evidenti possibile.

 

 

Certo, per l’utilizzo di porte di questo tipo, è necessaria una capace progettazione.

Come sempre per l’arredamento affidarsi ad arredatori professionali e capaci consente di ottenere i migliori risultati per la nostra casa che, ricordiamolo ancora, riflette esattamente la nostra personalità e il nostro stile.

Fotografie e dettagli tecnici modelli Zen e Moon

Contattaci per maggiori informazioni

 

happy bird magis

Magis

By | Arredamento | No Comments

Nel 1976 Eugenio Perazza fonda Magis con l’obiettivo di rendere accessibile, alla più vasta fascia di ulitizzatori possibile, prodotti d’arredamento di design di alta qualità funzionale e tecnologica.

 

Philippe Stack, Stefano Giovannoni, Ron Arad, Jasper Morrison, Naoto Fukasawa, Konstantin Grcic, Sha Hadid, Marcel Wanders sono solo alcuni degli architetti che collaborano alla creazione della collezione Magis.

 

Con un carattere fortemente internazionale (le esportazioni sono circa l’ 85% della produzione) Magis costruisce tutti i prodotti interamente in Italia a garanzia di elevata qualità e rispetto delle radici culturali e artigianali.

Dal 2010 la sede dell’azienda è situata a Torre di Mosto, in provincia di Venezia.

Sono quasi 100.000 i metri quadrati di superficie dell’azienda, di cui oltre 15.000 dedicati al solo assemblaggio dei prodotti.

Nello showroom di 3.500 mq sono esposti tutti i prodotti che ne caratterizzano la storia e anche tutta la collezione attuale: dallo sgabello “Bombo”, probabilmente uno dei prodotti in assoluto più imitati della storia del design, a tutti i prodotti insigniti del prestigioso premio “Compasso d’oro” e quelli facenti parte delle collezioni permanenti di celebri musei quali il Centre Pompidou di Parigi, il MoMA di New York e il Victoria and Albert Museum di Londra.

 

Sgabello Bombo Stool, design Stefano Giovannoni

 

 Giovannoni-Bombo-stool

Questo storico sgabello, presentato nel 1996, è ormai considerato universalmente lo sgabello contemporaneo per antonomasia. Con la seduta ergonomica realizzata in Abs stampata a iniezione e la regolazione in altezza con pistone a gas lo rendono estremamente funzionale e caratterizzante.

Con il dilagare del fenomeno delle copie e delle contraffazioni, lo sgabello Bombo Imitato e copiato innumerevoli volte, rimane un’icona del design e della creatività tutta italiana.

 

Air Chair, design Jasper Morrison

 

sedia magis air jasper morrison

Disegnata nel 2000, prodotta con la tecnologia dell’air-moulding, è la prima sedia monoscocca in polipropilene concepita con questa tecnologia.

Adatta sia per interni che per esterni è definita, a ragione, “una sedia di oggi e un classico di domani”. Così la descrive Eric Kentley del Design Museum di Londra: “La sedia Air-Chair di Jasper Morrison è un assoluto capolavoro. E’ straordinaria. PIacevole dal punto di vista estetico e di prezzo contenuto, questa sedia unisce in sé due fondamentali caratteristiche del buon design: la semplicità e uno stile senza tempo”.

 

Magis Proust, design Alessandro Mendini

 

magis proust

È una romantica poltrona barocca, sulla quale sono pennellati a mano infiniti punti policromi, con la tecnica del divisionismo. Punti che la invadono tutta, sulla stoffa e sui decori del legno. E’ un’opera di Re-DESIGN. A partire dal 1978 la poltrona di Proust ha avuto continue varianti nei colori, nei materiali e nelle dimensioni, fino ad essere fatta in ceramica, in bronzo, e ha viaggiato in tutto il mondo e in tanti musei. Ecco ora, 2011, una novità davvero inaspettata. La “poltrona di Proust” diviene un oggetto industriale stampato in plastica rotazionale. Un gioiello tecnico e produttivo. Una nuova energia di colori e di atmosfere per un oggetto senza tempo.

 

logo magis

bonus mobili 2016

Bonus Mobili 2016

By | Arredamento | No Comments

BONUS MOBILI hai il 50% di ragioni in più per arredare la tua casa

Il decreto legge 63/2013 ha introdotto una detrazione dell’Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici, di classe non inferiore all A+, finalizzato all’arredo di immobili oggetto di ristrutturazione.

La legge di stabilita 2016 ha prorogato fino al dicembre 2016 questa agevolazione denominata “ bonus mobili “, con un’importante novità :il bonus potrebbe essere potenziato per le giovani coppie.

Il bonus mobili è una detrazione Irpef, il presupposto per usufruire di questo diritto è l’effettuazione di un intervento di recupero del patrimonio edilizio.

I soggetti che possono fruire del bonus sono pertanto coloro che hanno effettuato un intervento di ristrutturazione edilizia.

La detrazione spetta nella misura del 50% nel limite massimo di spesa di € 10,000,00 indipendentemente dall’importo delle spese di ristrutturazione, e va ripartita in 10 rate annuali.

 

I BENI AGEVOLABILI SONO:

Mobili nuovi: letti, armadi, librerie,scrivanie,tavoli e sedie, comodini, divani e poltrone,credenza,materassi,apparecchi di illuminazione ecc – grandi elettrodomestici nuovi di classe energetica A+ tra le spese agevolabili si possono includere quelle di trasporto e di montaggio dei beni acquistati.

Non sono agevolabili, invece, gli acquisti di porte, di pavimentazioni, di tende e tendaggi, nonché di altri complementi di arredo.

 

LAVORI CHE DANNO DIRITTO AL BONUS MOBILI:

La detrazione spetta a condizione che sia collegata alla realizzazione di uno dei seguenti interventi: manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia SOGGETTI BENEFICIARI hanno diritto alla detrazione:

il proprietario o il nudo proprietario, il titolare di un diritto reale ( usufrutto, uso, abitazione), chi occupa l’immobile a titolo di locazione o comodato.

Ha diritto alla detrazione anche il famigliare convivente del possessore purché sostenga le spese e siano a lui intesti bonifici e fatture.

 

MODALITA’ DI PAGAMENTO

I pagamenti devono essere effettuati tramite bonifico dal beneficiario della detrazione, è possibile usufruire del bonus anche pagando tramite finanziamento.

Non sono agevolabili i bei pagati in contanti o assegno.

E’ opportuno ricordarsi di comunicare alla propria banca l’intenzione di pagare con uno specifico bonifico per bonus mobili.

Il soggetto pagante deve essere lo stesso al quale è intestata la fattura, le spese sostenute devono essere documentate, quindi sarà necessario conservare la documentazione attestante l’effettivo pagamento ( ricevute di bonifici, documentazione di addebito sul conto corrente) e le fatture di acquisto dei beni.

cameretta doimo cityline merlino

Cameretta Doimo. Promozione benessere del bambino

By | Arredamento | No Comments

 

PROMOZIONE CAMERETTA DOIMO

 

promozione cameretta doimo

VALIDA
DAL 01 OTTOBRE
AL 31 DICEMBRE 2015
MATERASSO MEMORY
FINANZIAMENTO AGOS
TAN E TAEG 0%

REGOLAMENTO

Dal 01 Ottobre al 31 Dicembre 2015 con l’acquisto di una cameretta Doimo Cityline ,

il materasso Eco Memory Extra Comfort firmato DoimoCityline, sarà offerto in promozione ad 1 euro.

Le caratteristiche del materasso riguardano aspetti fondamentali per un sano riposo del
bambino:

LERGONOMIA – effetto memory delle resine utilizzate e a supporto in zone differenziate.
LIGIENE – essendo anallergico ed anti acaro è sfoderabile e lavabile in  lavatrice.

La salute è di vitale importanza

Esempio di Cameretta Doimo Cityline

cameretta doimo

 

Oltre alla promozione del materasso, potete acquistare la
cameretta in 20 comode rate con il finanziamento a tasso 0, spese 0 in collaborazione
con Agos Ducato.

 

CARATTERISTICHE TECNICHE DEL MATERASSO

 

materasso memory doimo

 

ECO-MEMORY EXTRA COMFORT DOIMO CITYLINE

 

Il materasso per la salute ed il benessere totalmente sfoderabile.
Le sue esclusive caratteristiche riguardano aspetti fondamentali per il sano riposo:
• l’ergonomia – per l’effetto memory delle resine utilizzate e a supporto in sette zone
differenziate.
• l’igiene – perché essendo anallergico ed anti acaro è sfoderabile e lavabile in lavatrice.
Il materasso eco-memory extra comfort ha una struttura interna composta da uno strato
superiore in schiuma viscoelastica sagomata con densità 50 Kg./mc. di spessore cm. 5 e
uno strato inferiore in schiuma evocell sagomata con densità 35 Kg. /mc. di cm. 13.
Il rivestimento esterno è di tipo sfoderabile con imbottitura trapuntata, facilmente apribile
e sfoderabile mediante la cerniera perimetrale posta sui 4 lati. Può essere lavato a 40
gradi in lavatrice. Il tessuto del rivestimento è composto da 100% poliestere, con
trattamento antimicrobico di tipo sanitized. L’imbottitura è in fibra termica anallergica di
poliestere 350 gr./mq.
La fascia laterale perimetrale in tessuto 3d traspirante e dotata di maniglie per il trasporto
e posizionamento.

 

Esempio di Cameretta Doimo Cityline

cameretta doimo

 

Contattaci per maggiori informazioni

sedia gioconda Riva 1920

Come scegliere le sedie per la tua casa

By | Arredamento | No Comments

Le sedie:

come possiamo orientarci per scegliere le sedie giuste per la nostra casa con un’offerta di modelli sempre nuovi, comodi, pratici e belli?
Quando si scelgono le sedie per la casa si devono tenere presente diversi fattori:
 

1) Il design

2) Il comfort

3) I materiali

4) La qualità costruttiva

 

Riuscendo a trovare il giusto compromesso tra tutti questi fattori, riusciamo sicuramente a impreziosire l’ambiente che stiamo arredando.

La prima cosa da considerare è l’ambiente in cui vogliamo mettere le sedie: se si tratta di una cucina le sedie dovranno essere innanzitutto comode , perchè probabilmente verranno usate frequentemente. Dovranno però essere anche pratiche in quanto, in una stanza dove si preparano i cibi e si mangia, vanno scelti materiali che non si impregnano di fumi e odori e non si macchiano quando possano venire a contatto con rovesciamenti di cibo (potremo per esempio utilizzare il metallo, il policarbonato e il polipropilene che, a discapito di nomi difficili, permettono un utlizzo decisamente pratico della sedia).

 

sedie impalibili

Se invece la stanza dove metteremo le sedie è un elegante soggiorno, che utilizzeremo sporadicamente per pranzare o cenare, potremo valutare sedie realizzate con materiali più preziosi come la pelle, il cuoio e il tessuto.

Naturalmente tutti questi materiali possono essere lavorati più o meno sapientemente: è indubbio che l’artigianato italiano sappia applicare la lezione del “ben fatto” sicuramente meglio di quanto sappiano fare negli altri paesi.
E che dire poi del design italiano,che, nel campo della moda e in quello dell’arredamento non ha eguali in tutto il mondo.

sedia ingenia amy

Un’azienda come Magis, con 40 anni di esperienza, possiede una gamma di sedie disegnate dai più importanti architetti italiani e stranieri.
L’utilizzo sapiente di tutti i migliori materiali che il mercato offre e la rigorosa produzione industriale abbinata ad una quota di “artigianalità” permettono di ottenere prodotti adatti a tutti gli ambienti della casa.

Prendiamo a esempio lo sgabello “Bombo”, disegnato nel 2002 dall’architetto Stefano Giovannoni. E’ diventato praticamente un’icona del design italiano, tanto che oramai non si contano più i falsi che vengono prodotti in tutto il mondo, a imitazione scadente di una maestria tutta italiana.

Sgabello Bombo Stool

Molti dei prodotti sono costruiti per essere utilizzati indifferentemente all’interno e all’esterno, permettendo così di vivere il proprio giardino come un “ambiente in più”. Possiamo quindi utilizzare anche all’esterno, senza preoccuparci di danneggiarle, le sedie che tutti i giorni usiamo in cucina o in sala da pranzo.

 

Le certificazioni internazionali che riguardano tutto il ciclo produttivo:

1) Certificazione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2000

2) Certificazione ambientale UNI EN ISO 14001

3) Certificazione ambientale GREENGUARD (riguardante le emissioni inquinanti all’interno degli edifici)

4) Certificazione ambientale FSC (riguardante l’utilizzo responsabile delle risorse naturali)

 

In mercato con un’offerta molto ampia di prodotti “tutti uguali” non è facile scegliere i prodotti giusti.
Siamo sempre attratti da ciò che ci piace e questo è fondamentale, ma un’attenzione in più anche a tutto quello che a prima vista non vediamo e un consiglio dell’arredatore, ci permetteranno di scegliere dei prodotti che possano durare nel tempo e che sapranno impreziosire l’ambiente che stiamo arredando.

Contattaci e scopri come scegliere le sedie per la tua casa

cucina kerlite modulnova

Arredamento in Kerlite

By | Arredamento | No Comments

La kerlite è il prodotto ceramico che ha saputo esaltare e portare all’eccellenza le già alte qualità e prestazioni del gres porcellanato.

In soli 3mm di spessore, questo innovativo materiale frutto di una tecnologia all’avanguardia e altamente performante, ha fatto della versatilità il suo punto di forza.
Il suo impiego infatti è andato ben oltre la posa a pavimento e parete di abitazioni e edifici pubblici. La kerlite e entrata, con tutto il suo carico di innovazione e tecnologia, nel campo dell’arredo e del design d’interni.

Le aziende produttrici più all’avanguardia nel settore dell’arredamento della cucina e del bagno, hanno saputo sfruttare la facilità di impiego della kerlite creando nuovi progetti e nuove argomentazioni nell’arredo e nel design.

Un prodotto così facilmente igienizzabile, che non assorbe liquidi, non si impregna di odori, non trattiene lo sporco e consente di rimuovere le macchie con l’impiego di sola acqua calda, s’è ricavato un posto da leader nell’impiego sui piani delle cucine e dei bagni.
Il suo spessore così ridotto abbinato alle importanti dimensioni delle lastre prodotte senza l’impego di stampi e con taglio completamente automatizzato, hanno permesso l’utilizzo della kerlite non solo sui piani di lavoro ma anche sui mobili in generale.

I cromatismi estremamente naturali hanno dato vita a nuove soluzioni di forma e colore e a un nuovo impiego del rivestimento ceramico.

la cameretta doimo

La Cameretta… Uno spazio pensato per i nostri figli

By | Arredamento | No Comments

Ormai da tempo la cameretta rappresenta uno degli spazi più complessi e interessanti nell’arredo della casa. L’attenzione per la progettazione e la funzionalità di questo spazio è sempre di più affiancata dalla ricerca di materiali idonei e sicuri.

Il raggiungimento di un elevato standard di qualità e di design ci stimola quindi oggi a guardare oltre al puro concetto di arredo, rivalutando il valore della cameretta quale spazio pensato e dedicato al bambino, ai suoi bisogni educati e alla sua crescita.

Una maggiore consapevolezza nella scelta e nell’acquisto ci può aiutare a rispondere al meglio alle aspettative e ai bisogni dei nostri figli.
Perchè uno spazio funzionale, accattivante e soprattutto sicuro, pensato per un bambino, ma arricchibile e modificabile nel tempo, può garantirgli un luogo di crescita e libertà tutto suo.

 

Dunque come deve essere una cameretta per bambini/ragazzi? Che requisiti e che caratteristiche deve avere?

Ecco alcuni spunti:

1) Poter stimolare osservazione e ascolto

2) Garantire una durata pari alla durata “evolutiva” dell’età infantile/prima adolescenza ( dai 3/4 fino ai 12/13 anni) permettendo così la ricostruzione della “storia” del bambino.

3) Essere realizzata con materiale di qualità

4) Presentarsi come spazio modulabile/flessibile e permettere cambiamenti e soluzioni sempre nuove (vasta gamma di offerte opzionali) da parte del bambino protagonista e soggetto

5) Favorire il benessere psicofisico del bambino, sollecitando le tre aree di crescita:
a) cognitivo-razionale
b) senso-motoria
c) emotiva-affettiva (gioco simbolico)

6) Offrire possibilità a 360° di fruibilità come spazio fantasia (immaginario,senso della natura e dell’avventura), di gioco, di comunicazionee di intelligenza creativa, ovvero deve rappresentare uno spazio pensato dai genitori senza atteggoamento adultistico in favore dei bambini

Contattaci e scopri la cameretta che fa per te

Scopri tutte le novita' per la tua casa Richiedi Informazioni